• AruaL

Due Esercizi Per Sentirti a Tuo Agio con Te Stessa!



Ti sei mai accorta che uno degli aspetti terreni che ti rende insoddisfatta, arrabbiata e poco serena è il non sentirti a proprio agio con il tuo corpo?!?!?


Avere piacere di abitare te stessa, non è un lusso che puoi concederti solo dopo aver raggiunto i tuoi obiettivi professionali o relazionali, è il punto di partenza per realizzare la tua vita con il massimo delle tue energie.


Ti sarà capitato di vederti non bella, grassa, senza forme, troppo alta, troppo bassa, le compagnie che non ti piacciono, le persone che ti stressano, l'amore che non ti soddisfa, i figli che non obbediscono, triste e depressa, nessuno ti capisce, con i capelli in disordine, la casa in disordine, la vita in disordine.


Ti chiedi perché sto così di 💩💩💩? (se te lo chiedi) e realizzi che:

  • il tuo malumore nasce proprio dalle aspettative che hai nei confronti degli altri e che puntualmente ti deludono;


  • il tuo disagio dipende dalle volontà che non hai saputo far valere;


  • la tua insicurezza è data dal non saperti godere le cose buone che realizzi nella vita;


  • di conseguenza sottolinei con grande enfasi quello che non ti riesce mettere in pratica o ti viene così così;


  • tutti gli altri/ le altre ottengono tutto senza sforzi e te che te lo meriti niente, devi faticare e alla fine neanche basta.


Qualunque sia la tua visione, nessuna è la vera causa del tuo male.

Perchè?

Lasciamo perdere tutte le varie frasi motivazionali ai life coach tipo:


tu hai tutto per farcela

sei perfetta così come sei

credi in te stessa devi

volerti bene sei un

bellissimo raggio di sole e bla bla bla...

che diciamoci la verità ok, va bene, ma difficile metterle in pratica se ti senti di 💩💩💩. E' come leggere un libro da metà, che vuoi capirci?


Quindi la domanda giusta è: perché mi sento così di 💩💩💩?

E qui giù a compilare liste e diari sui vari motivi.

Solo due però sono validi:

Non hai una buona energia vitale ( te pareva);

Non hai la giusta intenzione per sentirti meglio.


Naturale che se sei concentrata sul problema non puoi vedere la soluzione. Se ti focalizzi su quanto sei disturbata o malmessa, su quanto sei triste e sfortunata come può arrivare un cambio rotta?!?!


E ALLORA COME SI FA??????


L'intenzione è un pensiero cosciente, è visualizzare l'obiettivo e permettere al Qi di compiere l'azione (“dove la mente va, il Qi arriva” cit.).


Innanzitutto bisogna individuare COME VORRESTI SENTIRTI!


Primo Esercizio.

Prendi un foglio e scrivi:

  1. quale è l'emozione o le emozioni che hai in questo momento (collera, agitazione del cuore, preoccupazione, tristezza, paura, depressione, terrore);

  2. evidenziane una caratteristica ( es: sono preoccupata, ho ansia; sono depressa vedo tutto nero; ho paura, mi sento soffocare ecc; sono arrabbiata, mi sento frustrata ecc);

  3. sostituisci il come ti senti con come vorresti sentirti (es: sono preoccupata cerco leggerezza)

  4. sostituisci la situazione anche nella realtà: ogni volta che ripeti che sei preoccupata, di: sono leggera.




Questo è solo un piccolo esercizio introduttivo, ma che ti può portare a conoscere quali sono le tue esigenze: CONSAPEVOLEZZA.


Consapevolezza è portare attenzione all'interno del proprio organismo e aumentare la percezione del movimento e del respiro, percepire il proprio flusso energetico, conoscere le proprie potenzialità. L'energia fluisce dove va l'attenzione.


Spesso durante i miei trattamenti affronto queste situazioni, allora durante il massaggio sposto l'attenzione sul corpo fisico: attraverso i contatto, l'intensità del tocco, la musica, lo Yin inteso come materia e nutrimento. Per poi proseguire sui piani sottili: musica a 432 Hz, tocco delicato, vibrazioni, lo Yang come emozioni. Lo scopo è quello di immergerti totalmente in te stesso per poi staccarti dal piano fisico, superare la barriera del controllo e assaporare quello di cui realmente hai bisogno.

In questo modo possiamo dare una direzione all'energia Se mandiamo stimoli in mille direzioni anche l'energia inizierà a viaggiare in maniera caotica creando confusione, dispersione e indebolimento.


Per quanto riguarda il potenziare la tua energia vitale abbiamo parlato anche in altri articoli. Anche una tacca in più può fare la differenza. Alimentazione equilibrata, attività motoria, trattamenti di riequilibrio energetico, massaggi olistici, riflessologia plantare ecc.


Se tutto è connesso come faccio a sapere che il problema nasce da qui e non il contrario? Tipo: mi sono stressata talmente tanto che ho finito l'energia. Acuta osservazione. Immagina di avere una macchina e di dover fare un viaggio: la prima cosa che fai è mettere la benzina, sennò non parte. Durante il tragitto se fai tanti Km dovrai fare rifornimento sennò la macchina si ferma impedendoti di proseguire. Il tuo organismo lavora alla stessa maniera: la benzina è la tua energia vitale. Se aspetti di riempire il serbatoio da 0 dovrai inserire tanta benzina, quindi dovrai fare tante pratiche corrette per tornare ad un livello ottimale che non si esaurisce subito. Qui nasce l'importanza di sapersi concedere del tempo per un massaggio, dell'attività sportiva, una camminata nel bosco, una pratica meditativa, un programma detox.


Secondo Esercizio:

Proviamo ad attivare il trampolino di lancio verso la tua nuova visione di vita:

Cerca un posto tranquillo dove hai troppi rumori di sottofondo o distrazioni. Accendi un incenso o una lampada di sale (in alternativa una ciotola di sale) non troppo lontana. Tieni vicino il foglio con l'esercizio precedente, leggilo a voce alta e poi mettilo via. Posizionati sdraiata, sul tappetino da ginnastica/yoga o sull'erba, con le ginocchia piegate e i piedi appoggiati a terra. Mani lungo i fianchi con i palmi rivolti verso l'alto.


Inspira nelle quattro fasi -inspiro, pausa, espiro, pausa- cercando di abbassare il diaframma e mandare il respiro e l'intenzione verso l'addome e non verso il torace. Inspira con il naso ed espira con la bocca. Questo primo step è necessario per rilassarti e e prendere contatto con te stessa. Ripeti la sequenza lentamente, al tuo ritmo per un paio di minuti.


Quando ti senti pronta possiamo cambiare la respirazione: inspiro con la bocca ed espiro con la bocca, i primi atti saranno lenti e lunghi, prendo tanta aria e la rilascio lentamente aumentando gradualmente la profondità del respiro: prendo poca aria e la rilascio tutta insieme. Fai attenzione a non esagerare per non avere giramenti di testa, se dovesse accadere torna alla prima respirazione e riparti. Vai avanti per due o tre minuti (sono lunghissimiiiii) e poi torna alla prima respirazione.


A questo punto hai portato la tua attenzione all'interno del tuo organismo staccandoti dall'ambiente. Inizia ad ascoltare i segnali del tuo corpo: dolore, prurito, pesantezza, bruciore. Individua dove si concentra il dolore/emozione e porta la mano sinistra sopra a questa zona. Lascia la mano destra rivolta verso l'alto e visualizza un colore che rispecchia la tua emozione sotto la mano sinistra. Piano piano il colore si espande, diventa una scia luminosa che unisce le due mani attraversando il braccio, il torace, il braccio destro esce dalla mano e se ne va. Trova il ritmo ed aiuta l'uscita dalla mano con l'espirazione. Piano piano sentirai il fastidio affievolirsi. Ripeti fino a che non ti senti meglio.


Concludi l'esercizio con una bella ricarica: inverti le mani, sinistra a terra con il palmo rivolto verso il basso, destra sopra l'area trattata. Bisogna prendere energia dalla Terra: immagina una luce che dal suolo entra nella mano, corre lungo tutto il braccio, attraversa torace ed arriva all'altra mano per uscire ed irradiare quello che c'è sotto. Prova a visualizzare questa luce del colore che ti rappresenta o che vorresti essere. Mantieni la posizione per alcuni minuti ripetendo il circuito più volte.


Se l'esperimento è riuscito ti sentirai rilassata e con una buona carica. Se ti senti stanca può succedere, hai messo in movimento tanta roba, concediti pure dieci/ venti minuti al massimo di prolungato relax e poi pronta con tutto il tuo entusiasmo. Tutto l'esercizio durerà da quindici a massimo venti minuti, compreso di rilassamento iniziale, pertanto puoi provare a farlo anche una volta al giorno. Continua a bruciare incenso o rimuovi la ciotola di sale ogni volta che termini l'esercizio.


Questo è solo uno dei piccoli trucchetti che puoi utilizzare ogni volta che vuoi per alleggeriti di qualche emozione invasiva di troppo e sentirti più libera e in armonia con te stessa.



Nel prossimo articolo parleremo del massaggio Hawaiano Lomi Lomi Nui, un vero e proprio tuffo nei 7 poteri che ti aiuteranno a sentirti perfettamente in connessione con te stessa e il mondo circostante.


Continua a seguirmi con semplici, piccole attenzioni che ogni giorno ti aiuteranno a ritrovare e mantenere una LUNGA VITA SANA FELICE CREATIVA.


PS: a breve pubblicherò il video con l'esercizio completo... resta connessa!







0 visualizzazioni

AruaL & Lotus Academy 

Lotus Academy Scuola di Naturopatia e Massaggio è un progetto di Laura Divulsi & Lotus ASD

Attività professionale svolta ai sensi della Legge 4 del 14 gennaio 2013

389 283 7307

Via Sacco e Vanzetti, 37, 52044 Camucia Cortona AR, Italy

©2020 di AruaL Laura DIvulsi. Creato con Wix.com

Privacy Policy

Termini e Condizioni